lunedì 5 aprile 2010

IL COLPO DI GRAZIA

Con decreto interministeriale del 30 marzo 2010 (G.U. n. 75 del 31 marzo 2010), con decorrenza immediata dal 1° aprile sono state sospese le tariffe postali agevolate previste per le spedizioni editoriali.
Senza alcun preavviso il Governo, attraverso i ministri Scajola (Sviluppo economico) e Tremonti (Economia e finanze), colpisce l'intero mondo dell'editoria libraria.
Soprattutto colpisce, in maniera forse letale, le piccole case editrici indipendenti. Colpisce, com'è solito fare questo governo, chi non si allinea. E colpisce le vendite e l'editoria on line, soprattutto.
Una misura assurda e improvvisa, adottata da chi dovrebbe aiutare lo sviluppo economico delle aziende (!) con il solo intento di fare “cassa”.
Il presidente dell'Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo dice: “Siamo profondamente indignati per un provvedimento improvviso... che... sconvolge tutte le pianificazioni commerciali del mondo dell'editoria libraria... Siamo allibiti del fatto che in nessuna occasione né Poste, né gli organi istituzionali competenti ci abbiano dato la minima indicazione di una decisione imminente e sconvolgente per il nostro settore. Le ricadute saranno pesanti non solo in termini economici per la vita delle case editrici, ma anche per la cultura e l'informazione del paese...”.
Sarà, in definitiva, un colpo di grazia per molte realtà editoriali piccole e indipendenti, spesso scomode a favore delle grosse case Editrici (Mondadori in primis, che, guarda strano, è del Presidente del Consiglio).
Ogni giorno peggio.

www.leonardopagliazzi.blogspot.com

Nessun commento:

Posta un commento